fbpx

La giusta manutenzione per piumoni e trapunte

Come mantenere il piumino e le trapunte in modo perfetto con la giusta manutenzione

Il piumone e la trapunta sono tra le coperture più utilizzate con un clima invernale o autunnale e possono essere considerati degli strumenti indispensabili per rendere il tuo letto confortevole e in particolar modo caldo. Un prodotto di qualità come un piumone Dreamin’101 può durare anche più di 10 anni. Tra i fattori che permettono di raggiungere un tale traguardo, non vi è solo un materiale di qualità e fornito da una casa certificata come Dreamin’101, ma ci sono anche una serie di accorgimenti che puoi effettuare ogni giorno e in modo programmato durante l’anno, al fine di salvaguardare l’integrità di un piumone matrimoniale o di una trapunta. Il termine manutenzione è strettamente connesso alla tutela del benessere di un piumino nel tempo. Ma quali sono i passi da seguire? Perché è così importante la manutenzione? Di seguito elenchiamo alcuni consigli utili al fine di poter salvaguardare nel tempo il tuo piumone o la tua trapunta.

Piumone e trapunte: cosa vuol dire effettuare la manutenzione

Per poter intervenire in maniera efficace su un piumone e una trapunta, al fine di effettuare la giusta manutenzione è importante in primo luogo comprendere cosa significa eseguire la manutenzione di una coperta. Una cosa infatti è lavare o conservare un lenzuolo matrimoniale, un plaid o un copriletto matrimoniale e un’altra è quella di gestire un prodotto che si compone di diversi materiali. La manutenzione è l’insieme di attività finalizzate a mantenere l’integrità e la funzionalità di un determinato bene. Nel caso della trapunta o del piumone, vuol dire quindi effettuare una serie di azioni come può essere il lavaggio, la conservazione e la pulizia che permettono di valorizzare il tuo prodotto nel tempo.

Cosa vuol dire effettuare la giusta manutenzione del piumone e della trapunta

Effettuare la giusta manutenzione quindi vuol dire adattarti alle singole caratteristiche del piumone e in base ad esse riuscire a conservarlo nel tempo. È importante considerare che sono diversi gli aspetti inerenti la salvaguardia di un piumone, non basta che lo sottoponi a un lavaggio all’anno effettuato nel giusto modo, ma anche un utilizzo adeguato e una gestione appropriata della coperta durante i lunghi mesi invernali sono indispensabili.

L’utilizzo adeguato

La prima differenza sostanziale tra il piumone e la trapunta riguarda il copripiumino matrimoniale e come comporre il tuo letto. Se infatti utilizzi una trapunta per salvaguardarla dal sudore e dal vapore acqueo generato dal calore umano, metterai tra la coperta e il tuo corpo un lenzuolo matrimoniale. Nel caso invece del piumino, non si utilizzeranno le lenzuola, ma si applicherà invece direttamente una copertura che prende il nome di copripiumino matrimoniale, il quale avvolge completamente il piumino, proteggendolo come il lenzuolo e permettendo di mantenerlo pulito. Quasi sempre il copripiumino è di puro cotone.

La gestione invernale

Potresti pensare che una volta steso il tuo piumone o la trapunta sul letto per l’inverno, rimarrà lì per tutto l’arco del mese senza dover intervenire. In realtà se vuoi effettuare una giusta manutenzione è necessario arieggiare almeno a giorni alterni il tuo piumone. È un procedimento molto semplice, dato che ti basta esporre la coperta all’aria fresca, la mattina presto per pochi minuti, in modo da fare evaporare l’umidità generata dal calore del tuo corpo durante la notte, inoltre altro comportamento da mantenere con una certa continuità è quello di scuoterlo in modo da allontanare la polvere. Attenzione però a non maltrattare il tessuto con troppa veemenza. 

Il lavaggio del piumino

La trapunta, rispetto al piumone dovrà essere lavata almeno una volta nel corso dei mesi invernali data la sua esposizione diretta all’aria e quindi a possibili fonti di sporco. Nel caso del piumino vi è il grande vantaggio di disporre di una copertura come quella del copripiumino che lo tutela da eventuali formazioni di macchie. Sia in un caso che nell’altro è fondamentale non usare dei detersivi troppo forti come quelli a base di cloro, dato che possono danneggiare le piume. In particolare, nel caso del piumone, è sempre preferibile lavarlo senza la presenza del copripiumino, inoltre non devi per forza lavarlo a mano, ma puoi farlo anche in lavatrice, con un massimo di temperatura di 40°, impostando il programma su cotone o fibre sintetiche, e tenendo conto dell’etichetta. Spesso ci si domanda se sia il caso di effettuare una centrifuga e se questa possa danneggiare una trapunta o un piumone. Un’asciugatura rapida in caso dell’impiego di un’asciugatrice è preferibile, così come una centrifuga moderata e non intensiva.

La sua conservazione

Conservare il piumone nel modo corretto è un altro fattore rilevante che influenza la manutenzione del prodotto. Infatti depositarlo in un armadio non è sufficiente, dato che potrebbe catturare polvere o poter essere schiacciato da altre coperte. Per questo ti consigliamo di utilizzare sempre la copertura che viene fornita insieme con la confezione, sigillandola in maniera attenta. Infine quando riponi il prodotto a conclusione della stagione, è preferibile poggiarlo su una mensola che sia dedicata al suo alloggiamento, senza comprimerlo in modo da non intervenire sulla sua conformazione.

Gli effetti della manutenzione per piumone e trapunte

La giusta manutenzione per piumoni e trapunte è un’operazione necessaria che se effettuata con regolarità e la giusta dose di attenzione permette di tutelare l’integrità della tua coperta nel tempo. Considerare le differenze di materiali e di trattamenti tra i due prodotti è fondamentale al fine di non commettere errori. Grazie alla manutenzione non solo avrai la possibilità di utilizzare la trapunta o il piumino per un lungo periodo di tempo, ma sarai certo di salvaguardarlo e tutelarlo ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *