fbpx

Russare: ecco i metodi migliori per smettere

Russare: ecco i metodi migliori per smettere

Russare: abitudine rumorosa e poco salutare

Quando le persone dormono in una camera buia, di solito pretendono il massimo silenzio per rilassarsi e non essere disturbate. Purtroppo quando si vive con una persona che russa non sempre si riesce a dormire e vi è il rischio di svegliarsi il giorno dopo senza aver riposato bene.

Queste, purtroppo, sono le varie conseguenze di dormire con una persona che russa. Russare significa emettere un suono fastidioso, quasi simile a un grugnito, causato da una scorretta ventilazione polmonare la quale ostacola il regolare flusso di aria. Come affrontare, quindi, il fenomeno del russamento? Si può ricorrere a un vasto numero di metodi e si può scegliere quale mettere in pratica in base alle proprie esigenze.

Elenco di metodi per smettere di russare

Evitare l’assunzione dell’alcol prima di dormire per non russare

Prima di andare a dormire, bisognerebbe evitare l’assunzione di alcol come ad esempio vino, birra, liquori ecc… Questo perché l’alcol è una sostanza che rilassa molto il corpo, distendendo i muscoli della gola i quali non hanno più tonicità, e quindi non riescono a far passare bene l’aria.
Se proprio non si vuole rinunciare al sapore del vino o di un liquore, si può bere un massimo di due bicchieri. Poi, però, bisogna aspettare il tempo sufficiente per smaltire l’alcol: una o due ore almeno.

Dormire nella giusta posizione per smettere di russare

Una delle cause del russamento è anche la posizione nella quale la persona dorme. Alcune posizioni infatti non facilitano la respirazione. L’ideale è quindi dormire di lato e non a pancia in su, in modo da smettere di russare. Facendo così, si respirerà anche meglio.

Se, però, non si riesce a resistere alla tentazione di dormire supino, allora un’altra soluzione sarebbe quella di sollevare la testa di 10 cm dal letto, utilizzando dei cuscini morbidi e comodi. Attenzione a non aumentare troppo l’altezza dei cuscini per evitare spiacevoli torcicolli o altri tipi di dolore.

Effettuare lavaggi nasali oppure usare cerotti appositi

La congestione nasale è un’altra causa del russare: essendo il naso otturato, non si riesce a respirare bene e quindi si producono suoni sgradevoli. Per risolvere la situazione, si possono fare dei lavaggi nasali con una soluzione salina oppure prendere dei decongestionanti. Un’altra idea sarebbe fare un aerosol oppure vapori di acqua calda mista ad oli essenziali.

È possibile creare un mix di oli essenziali capaci di aprire le narici del naso per respirare di nuovo. Basterà mescolare alcune gocce di olio essenziale di eucalipto, ginepro, pino mugo e menta piperita. A questo punto lo si potrà mettere nell’acqua calda per farci dei vapori o nell’umidificatore cosicché si avrà anche una bella fragranza nella propria stanza.

Sono poi in commercio i cerotti nasali. Questi si applicano semplicemente sul naso e allargano le narici favorendo il passaggio dell’aria e facilitando la respirazione. Per chi, però, è affetto da apnea notturna, i cerotti nasali non risolvono purtroppo il problema.

Fare attività fisica e mangiare bene aiuta a non russare

Qualunque persona sia in sovrappeso ha varie probabilità di russare. Se questo fosse il caso, allora sarebbe necessario perdere peso facendo almeno mezz’ora di attività fisica tre giorni alla settimana. Per la dieta, invece, sarebbe ideale rivolgersi a uno specialista il quale avrà le competenze necessarie per associare un equilibrato regime alimentare al proprio corpo.

Evitare farmaci per dormire

I farmaci che vengono usati per dormire, come ad esempio i sonniferi, dovrebbero essere evitati poiché rilassano la gola e il sistema nervoso centrale. Anche i farmaci che provocano stress dovrebbero essere eliminati, ma prima bisogna consultarsi col medico per evitare problemi.

Russare è una delle cose peggiori che possono capitare a una persona. Non solo si disturba chi sta riposando vicino a te, ma è anche sintomo che c’è qualcosa che non va con il proprio corpo. Identificare le cause ed agire possono aiutare a fermare questa cattiva abitudine per dormire e far dormire gli altri meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *